Servizio Civile Volontario

Il servizio civile volontario – istituto giuridico che ha inizialmente affiancato e dal 2005 sostituito il servizio di leva e l’obiezione di coscienza – è da tempo presente in Diocesi.
Dal 2003 anche la Caritas Diocesana ha aderito alla modalità progettale prevista dalla legge con risultati spesso sorprendenti.
Minori, immigrati bisognosi ed alcolisti sono stati i destinatari dei vari progetti presentati ed approvati dall’UNSC in questi anni.
I progetti in questi anni hanno avuto gli obiettivi di creare servizi o di implementare quelli già esistenti (es. sportello legale per immigrati, centri d’ascolto, raccolta abiti, banco alimentare, gruppi di auto mutuo aiuto per gli alcolisti) per fronteggiare queste difficoltà.
Il compito di questi ragazzi è di sostenere, accompagnare ed affiancare gli operatori presenti nelle varie sedi dei progetti durante la realizzazione delle attività suddette.
Contestualmente, essi fanno un’esperienza simil lavorativa, arricchiscono il proprio bagaglio culturale e formativo, parallelo al servizio vero e proprio ed acquisiscono competenze e professionalità da poter spendere in futuro. Almeno il 70% dei ragazzi selezionati hanno proseguito ad offrire il proprio aiuto presso le realtà che le avevano accolti, spesso anche a titolo di volontariato, denotando un forte carico motivazionale.
Complessivamente, in questi quindici anni, la Caritas ha potuto accogliere 184 giovani in servizio civile a Salerno, Battipaglia, Siano, Solofra.
Ben 423 sono state le domande presentate presso i nostri uffici, per cui siamo riusciti ad accontentare quasi un candidato un ragazzo su 2 (43,5%).
Prevalente è stata la componente femminile (134 pari al 72,8%) contro i 50 uomini, identica (133 a 51) è la ripartizione tra laureati e diplomati, con prevalenza per questi ultimi, mentre sostanzialmente equivalente il target dell’età ( 81 in età compresa tra i 18 e i 23, ovvero il 44%, 103 tra i 24 e i 28, 56%).
86 ragazzi (45%) provenivano dalla realtà cittadina, mentre 98 (55%) da altrove.
Va sottolineato che ben 18 volontari (10%) erano studenti fuori sede provenienti dalla Basilicata e dalla Calabria.

BANDO SERVIZIO CIVILE 2019

Condividi