Chi siamo

La Caritas diocesana è l’organismo pastorale, espressione originale della Chiesa particolare, con il compito di animare le comunità ecclesiali al senso di carità verso le persone e le comunità in situazione di difficoltà e al dovere di tradurlo in interventi concreti con carattere promozionale e ove possibile preventivo.

La Caritas diocesana, organismo della Chiesa particolare, è uno strumento complesso, vivo, attivo, a servizio della vita stessa della Chiesa, della sua azione nel tempo e del suo servizio al mondo. La sua nascita e il suo sviluppo trovano le radici nel Concilio Vaticano II in cui si afferma la concezione di Chiesa come comunità che si sviluppa attorno a tre dimensioni fondamentali:

– l’annuncio e l’ascolto della Parola,

– la celebrazione dei Sacramenti

– la testimonianza della Carità.

La Chiesa, costituita dalla carità divina, è chiamata, infatti, a strutturarsi sul territorio come comunità che, pur nella diversità dei ruoli e dei carismi, sollecita la corresponsabilità di tutti.  Dunque vocazione della Caritas diocesana è quella di promuovere la testimonianza della carità col metodo della pedagogia dei fatti: partire dai problemi e dalle sofferenze delle persone per aiutare tutta la comunità a costruire risposte di solidarietà nella dimensione della partecipazione e della corresponsabilità.


Storia della Caritas Diocesana di Salerno Campagna Acerno

La Caritas Diocesana di Salerno Campagna Acerno viene costituita nel 1973 con decreto dell’Arcivescovo mons. Gaetano Pollio e diretta dal 1973 al 1993 da mons. Comincio Lanzara. Subito, questo nuovo organismo viene impegnato a dare il suo contributo umano e materiale nell’emergenza verificatasi con il terremoto del 1980 e la ricostruzione post sisma. Grazie all’impegno di mons. Guerino Grimaldi, e del suo successore, mons. Gerardo Pierro, la Caritas Diocesana inizia la suo sensibilizzazione nelle parrocchie lavorando per la presenza della Caritas in ogni comunità.

Dal  1993 al 2004 la Caritas Diocesana è diretta da Mons. Franco Fedullo che si adopererà per la realizzazione di servizi che rispondono ai bisogni più urgenti delle persone e al sostegno di coloro che non hanno voce attraverso la nascita di opere segno come il Dormitorio, la Mensa dei poveri, Casa Betania.

Dal 2005 direttore della Caritas è don Marco Russo e dal 2010 suo presidente Mons. Luigi Moretti.

Lo scopo di tutte le azioni che mette in opera la Caritas diocesana è  quello di testimoniare l’amore di Cristo che ogni volontario vede nel povero che incontra. Così, la Caritas Diocesana si sente chiamata a svolgere nella Chiesa un ruolo di animazione, per creare una nuova cultura della carità, capace di essere segno dell’amore  gratuito di Dio per ogni uomo; di promuovere la scelta preferenziale dei poveri, banco di prova per verificare quanto effettivamente la carità è presente nella Chiesa; di fare della Chiesa la casa e la scuola della comunione, come ribadisce Giovanni Paolo II nella Novo Millennio Ineunte: «Fare della Chiesa la casa e la scuola della comunione: ecco la grande sfida che ci sta davanti nel millennio che inizia, se vogliamo essere fedeli a Dio e rispondere anche alle attese profonde del mondo» (n. 43).

Organigramma Caritas Diocesana Salerno Campagna Acerno

Presidente Caritas Diocesana
◾S.E. Monsignor Luigi Moretti (Arcivescovo)

Direttore  Caritas Diocesana
◾Don Marco Russo

  • Equipe Diocesana presieduta e coordinata da don Marco Russo
  • Dott.ssa Angela Gallo resp. Amministrativa
  • Dott.ssa Marialuisa Troccoli, resp. Promozione Caritas
  • Dott. Pio Occidente Lupo, resp. Centri d’ascolto parrocchiali
  • Clementina Vitolo, resp. Promozione Umana
  • Avv. Gianluca Cecere, resp. Promozione umana e Responsabile Servizio Civile
  • Avv. Alessandro La Torraca, resp. Sportello Immigrati
  • Antonio Di Popolo, resp. Centro Diurno
  • Francesca Marra, animatore Progetto Policoro
  • Mario De Chiara, segreteria
  • Rappresentanti della comunità diaconale
Condividi